Fondi Europei Cultura: scadono a settembre i bandi innovativi

0
1718

Perché la cultura non riposa mai! Avete tempo fino a settembre per i nuovi bandi innovativi su reti di giovani creativi e co-working

I fondi europei cultura si adeguano ai tempi nuovi. Entro settembre potete presentare la domanda di finanziamento per questi bandi:

  1. Progetto pilota a supporto delle reti di giovani imprenditori creativi per i paesi dell’Unione e paesi terzi;
  2. Rete europea di Hub Creativi e spazi di co-working;

Nel dettaglio:

1. Progetto pilota a supporto delle reti di giovani imprenditori creativi per i paesi dell’Unione e paesi terzi,  scadenza 15/09/2015, codice EAC/S08/2015

Questo progetto pilota ha lo scopo di creare una Piattaforma che possa raccogliere le reti esistenti di giovani imprenditori attivi nel settore cultura e creatività nell’Unione Europea e nei paesi terzi e facilitare la creazione di nuove reti.

La piattaforma attiverà connessioni e scambi tra professionalità europee e dei paesi terzi e aiuterà una nuova generazione di professionisti nei settori creativi ad accelerare il loro sviluppo professionale

Essa sarà suddivisa in settori di attività e includerà servizi come coaching, attività di peer-learning, conferenze su temi specifici, visite studio e partecipazione a incontri con i rappresentanti della cultura e della creatività di tutto il mondo.

2. Rete europea di Hub Creativi e spazi di co-working, scadenza 10/09/2015, codice EAC/S08/2015;

L’obiettivo è il supporto alla creazione di una rete europea di hub creativi e spazi di co-working per professionisti della creatività e della cultura.

Viene testualmente definito come hub creativo un’infrastruttura che utilizzi parte del suo spazio per il networking, lo sviluppo, e l’organizzazione di business nei settori creativi e culturali.

Molti spazi di co-working si autodefiniscono, del resto “hub creativi”.

Attraverso questo bando si mira a:

  1. rinforzare i network degli hub creativi;
  2. rinforzare la cooperazione transnazionale e intersettoriale tra i vari ambiti della cultura e della creatività;
  3. potenziare gli scambi di esperienze e le buone pratiche attraverso gli hub creativi dell’UE e attraverso i settori culturali e creativi;
  4. rafforzare le capacità dei manager degli hub creativi e dei professionisti della cultura e dei settori creativi;
  5. le conclusioni scaturite da tale attività verranno utilizzate per le future politiche del settore (ad es. modelli di business innovativi, schemi innovativi, ecc…)

Quindi se avete una struttura o ente che risponda ai requisiti affrettatevi a rispondere.

Il tempo corre, e l’innovazione anche di più!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.